IL NATALE DI IERI

La tradizione del Natale si è puntualmente rinnovata, anche se negli occhi dei più anziani l’ emozione riporta alla fiaba d’ altri tempi,   quando con i tanti amici del  quartiere di case popolari, si giocava a calcio, palla prigioniera e ruba bandiera. Gli amici si andavano a ‘chiamare’ a casa. E a volte ci si fermava lì ad aspettare che finissero di mangiare o di fare i compiti, partecipando a un pezzo di vita familiare. Per strada si poteva circolare liberamente da soli. I nostri genitori ci vedevano tornare la sera senza averci mai dovuto chiamare al telefonino. E poi arrivava Natale. Il mattino ci si vestiva a festa, andando di casa in casa ad augurare il buon Natale ai vicini, ai parenti e agli amici. Nel corso degli anni, non siamo solo noi a cambiare, a crescere, a percepire il Natale in maniera diversa, è la concezione stessa del Natale a cambiare e se sei titubante no problem: "buttati, che è morbido".

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1MzpqsX

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...