Dopo un anno di successo, gli auguri particolari di Valle Camonica Servizi Vendite in un video

Darfo Boario Terme – Tempo di Natale, tempo di auguri anche per associazioni e aziende. Tra questi ci sono quelli particolari di Valle Camonica Servizi […]

dal giornale online: Gazzetta delle Valli News dalle Valli Lombarde e Trentine » Edolo
Leggi tutto: http://ift.tt/1U6D3W7

ONO RIVIVE IL PRESEPE VIVENTE

Da 32 anni Ono S. Pietro si anima alla vigilia di natale con la prima rappresentazione del Presepio vivente, che viene poi ripetuta nei giorni successivi. Tutta la comunità è impegnata in questa sacra rappresentazione che, oltre a fare comunità, rivive anche un momento sacro della cristianità. Le vie, le case, i porticati di Ono S. Pietro sono resi vivi da una bella scenografia complessiva che rendono ancora più suggestiva la notte di natale. Molti presepi sono stati allestiti con grande bravura, alcuni addirittura sono delle piccole opere d’arte. Quello che più conta è che la comunità intera si raccoglie attorno ad un tema che cementa un credere comune e aiuta a vivere momenti di maggiore serenità, colme accadrà anche in questa notte che anticipa la gioia della cristianità intera.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1Sdh9lw

RECORD DI PASSEGGERI A ORIO

La scorsa settimana l’Aeroporto di Orio al Serio ha raggiunto per la prima volta la quota di 10 milioni di passeggeri in un solo anno, culmine di una crescita costante iniziata nel 2002 e che permette allo stato attuale di attestarsi stabilmente al terzo posto nella classifica degli scali nazionali.  Lo storico traguardo è stato festeggiato nell’area check-in con la premiazione di Giuseppe Pirino, residente a Sassari, passeggero in partenza da Bergamo con il volo di Pegagus Airlines diretto a Istanbul.

 

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1OMxlF0

NUOVO LOOK DI EDOLO

Continua il programma di opere pubbliche a Edolo, con un intervento pari a 1 milione di euro per l’illuminazione pubblica di Mù e la Costa e soprattutto per il collettore fognario per l’Ogliolo; parte della cifra deriva dall’Ato per la depurazione, parte da risorse che non incidono sul bilancio comunale. Nei primi giorni del 2016 saranno messe in cantiere altre opere per complessivi 1.660.00 euro, cifra interamente recuperata dal soprapprezzo IMU che Enel deve versare al Comune per le centrali, che finanzierà la nuova piazza Garibaldi, il primo e secondo lotto del grande parco di via Gelpi, la strada di Guspessa, che verrà messa in sicurezza e asfaltata, e la strada di Scaione a Mù che sarà anche un’importante variante per la sicurezza della frazione. In particolare, l’area di via Gelpi diventerà una grande attrazione naturalistica sia per la popolazione che per i turisti. Tutti gli interventi eseguiti e da eseguire non incideranno sul bilancio comunale, con un ulteriore vantaggio per i cittadini: infatti la cifra di 1.660.,000 euro deriva totalmente dal sovra prezzo IMU che Enel deve versare al Comune a partire da 5 anni fa.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1OMxjwS

IMU CENTRALI, LA QUESTIONE SI RIAPRE?

In alcuni punti, la legge di stabilità approvata questo martedì dal Senato, potrebbe creare non pochi problemi a quei comuni interessati dalla presenza di centrali idroelettriche e degli impianti per la produzione di energia elettrica. Nei commi 21,22,23 e 24, sarebbero infatti contenute alcune novità che permetterebbero alle aziende elettriche di chiedere una revisione delle rendite catastali. Questo significherebbe riaprire una questione che anni fa in Valle Camonica, aveva tenuto banco e che aveva portato il sindaco di Sellero, ad intraprendere uno sciopero della fame. Tutto ruotava attorno al pagamento dell’Ici sugli impianti della centrale idroelettrica di San Fiorano, dopo che il Catasto, a seguito dell’impugnativa di Enel, aveva rivisto al ribasso gli importi. Dopo un susseguirsi di ricorsi e controricorsi e grazie all’intervento in Parlamento del deputato camuno Davide Caparini autore nel frattempo di numerose interrogazioni e mozioni, nel 2011 finalmente fu raggiunto un’intesa tra i tre Comuni coinvolti, ovvero Sellero, Cedegolo e Paspardo, Enel e Agenzia del territorio (l’ex Catasto) che, oltre a prevedere il pagamento dell’arretrato, garantiva ai tre comuni un cospicuo introito per gli anni a venire. Un accordo che oggi potrebbe essere rimesso in discussione. Se così fosse potrebbero nascere in diversi comuni, numerosi contenziosi per analizzare caso per caso e capire in quale categoria rientrano gli impianti. Per i comuni si tratterebbe di perdere importanti risorse, anche se una percentuale importanti degli introiti derivanti dall’IMU va già allo Stato, e si tratterebbe di sperare in quel fondo di compensazione che lo Stato ha messo a disposizione per compensare, le minori entrate che avranno i comuni, ma che non saranno determinate prima di ottobre del 2016 e giugno del 2017. I sindaci ancora non entrano nel merito della questione che stanno analizzando in questi giorni e che sarà oggetto di confronto anche nella prossima assemblea dell’Unione dei Comuni della Valsaviore in programma il 30 dicembre.

 

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1OMxlEV

LAVORO, DOMANDA E OFFERTA SI INCONTRANO

Operatore informatico, barista, cuoco addetto alle pulizia, alla cassa, operatori sociali, ecologici, operai. Sono solo alcune delle figure professionali richieste dalle 17 aziende che hanno partecipato al progetto con cui l’Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona di Valle Camonica insieme al mondo del profit, ai comuni, al terzo settore, al mondo della formazione, è riuscita a fare incontrare domanda e offerta. Su questo principio si basa l’Osservatore per il Lavoro che l’Incubatore di Imprese con la Comunità Montana e la Provincia, ha rilanciato recentemente: uno strumento non solo delle dinamiche economiche ed occupazionali, ma anche di indagine sociale, per far sì che formazione, studio e ricerca di occupazione, vadano di pari passo e nella stessa direzione, con le esigenze del territorio.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1Sdh6Gr

17 AZIENDE CAMUNE CERCANO 31 LAVORATORI

A ottobre l’Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona di Valle Camonica, aveva emesso un bando rivolto alle aziende, per capire se erano interessate ad assumere persone disoccupate e in cerca di lavoro: il risultato è che 17 aziende hanno dato la loro disponibilità ad assumere in tutto 31 persone. L’Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona, ha quindi aperto un nuovo bando per trovare i profili professionali richiesti dalle aziende. Ecco i requisiti per partecipare: avere la cittadinanza italiana, la residenza da almeno 6 mesi in uno dei comuni del Distretto Valle Camonica-Sebino; essere senza lavoro o in mobilità e avere le qualifiche o esperienze tra quelle richieste delle aziende. Tutte le domande verranno esaminate da una commissione composta da rappresentanti dell’Azienda, della Provincia, dell’Incubatore di Imprese, della CM e del Forum del Terzo Settore e per ogni profilo professionale richiesto, verranno selezionate tre persone. A pari merito, saranno le persone con la situazione economica e sociale più difficile, verrà tenuto conto anche della situazione ISEE e de figli a carico. Sarà poi l’azienda a scegliere chi assumere.  Ad incentivare l’assunzione a tempo determinato o indeterminato di queste 31 persone, sono le risorse messe in campo dagli enti pubblici: 200 mila euro dall’Azienda Territoriale ai Servizi alla Persona, oltre 60 mila euro da parte della Provincia di Brescia. Le domande vanno presentate entro e non oltre venerdì 29 gennaio: per tutte le informazioni relativi alle modalità di adesione e alla documentazione da presentare, consultare il proprio comune, gli uffici di Breno dell’Azienda o il sito internet http://ift.tt/1GtneSW.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1OMxlEO

SPACCIAVA SUL SEBINO, ARRESTATO IN OLANDA

Lo hanno trovato in Olanda. Il 28enne albanese fermato nel settembre del 2014 dalla Guardia di Finanza che indagava su un traffico di cocaina, era scappato in Albania e aveva raggiunto il nord Europa. La droga veniva smerciata ogni settimana tra il lago d’Iseo e tutto il nord Italia. La Procura di Brescia che aveva coordinato l’indagine che aveva portato a diversi arresti e al sequestro di oltre 40 chili di cocaina, aveva emesso un mandato di arresto europeo nei confronti del 28enne. Il giovane è stato arrestato mercoledì 16 dicembre dalla polizia olandese ad Amsterdam, dove il trafficante si trovava ricoverato in ospedale per un agguato subito l’11 con un connazionale in un ristorante italiano. L’uomo sarà estradato in Italia e consegnato all’autorità giudiziaria.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1Sdh6Gn

SPACCIO E DROGA, 4 ARRESTI

Un tunisino 24enne e un marocchino 32enne in manette per spaccio di droga, un italiano 26enne nei guai per aver evaso i domiciliari e un marocchino 17enne in manette per furto.  E’ il risultato dei controlli che i carabinieri delle stazioni di Artogne, Darfo e Esine, hanno portato a termine in queste settimane in Valle Camonica. Controlli per lo più notturni, coordinati dalla Compagnia dei Carabinieri di Breno. Da tempo i carabinieri di Artogne monitoravano un tunisino 24enne residente a Piancogno ma domiciliato a Piancamuno. La notte del 15 dicembre lo hanno trovato in possesso di circa 5 grammi di cocaina. A casa sua i militari hanno trovato un’altra dose, 4 cellulari, 350 euro in contanti e del materiale per il confezionamento della droga. Sottoposto all’obbligo di dimora a Piancogno, è in attesa del processo. La notte seguente, i Carabinieri di Darfo hanno arrestato in flagranza di reato, un marocchino 32enne pregiudicato. Lo hanno sorpreso mentre stava cedendo una dose di cocaina ad un giovane del luogo. A casa sua i militari hanno trovato 5 grammi di hashish, 50 euro in contanti, 1 bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi. Nella notte del 20 dicembre a Pisogne, a finire in manette, questa volta per furto aggravato, è stato un marocchino 17enne residente a Piancogno. Il giovane aveva forzato la porta della pizzeria di via Roccole, arraffando 25 euro ed un telefono cellulare, ma è stato sorpreso all’interno del locale dai Carabinieri che lo hanno arrestato in flagranza di reato. Il minore è stato scarcerato senza alcuna misura restrittiva in attesa del processo. Altro arresto nel pomeriggio del 19 dicembre a Esine. I carabinieri hanno sorpreso un 26enne italiano pregiudicato sottoposto agli arresti domiciliari, a spasso per il paese.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1OMxlou