TRE VITTIME DALLA MONTAGNA

Un piede in fallo, una pietra scivolosa o instabile e in pochi minuti ci si ritrova nel vuoto. Può capitare facilmente in montagna, nei sentieri più ripidi, quando si devono attraversare dirupi e canaloni. E’ successo domenica a Paspardo in località Colombè. A scivolare in un burrone e a perdere la vita era stato Giuseppe Moraschi, 52enne di Capriolo. A distanza di 48 ore, succede di nuovo. Ancora in Valle Camonica e ancora una volta, vittima un 50enne della Franciacorta. Paolo Beriola, 52 anni di Erbusco, questo martedì si trovava nei pressi di Cima Bacchetta nel territorio comunale di Lozio, verso la Val Baione, e stava rientrando da una lunga escursione in compagna dell’amico di camminate. Una giornata di festa che i due avevano deciso di trascorrere all’insegna dell’amore per la natura e per la montagna, la loro passione. La tragedia si è consumata a quota 2200 metri, nel mezzo di un ghiaione scosceso, sotto gli occhi dell’amico. Paolo Beriola è precipitato nel vuoto per circa 100 metri e ha battuto la testa. Sconvolto l’amico ha allertato il 118 giunto con l’eliambulanza. A bordo il tecnico del soccorso alpino. Allertate anche le squadre territoriali della Stazione di Breno della V Delegazione Bresciana, competenti per territorio.  L’équipe medica giunta sul posto ha constatato il decesso e la salma è stata recuperata e portata alla Camera mortuaria dell’ospedale di Esine, a disposizione dell’autorità giudiziaria. La montagna continua a fare vittime: è successo questo martedì anche in bassa Valtellina, a Castione Andevenno, nei pressi della cresta a Nord – Ovest del Monte Canale, a un’altitudine di circa 2300 metri, verso la Bocchetta di Arcoglio. Un escursionista di 67 anni di Casatenovo, che si trovava in compagnia di un amico, è scivolato mentre percorreva il sentiero in un tratto molto impervio, sul versante esposto a Sud ed è caduto per un centinaio di metri: è morto sul colpo. Sono stati invece portati in salvo i tre giovani che questo martedì erano rimasti bloccati su un dirupo in Valchiavenna. Erano usciti ieri per un’escursione con arrampicata in Val Bodengo quando si sono trovati in difficoltà e sono stati colti dall’oscurità. 

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1Qfv4b8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...