Sellero: è morto Claudio Saleri, il 45enne ferito ieri in un incidente sulla statale 42 del Tonale

Sellero – La comunità di Sellero (Brescia) in lutto per la morte di Claudio Saleri, 45enne residente nel paese della Valle Camonica, deceduto il giorno dopo […]

dal giornale online: Gazzetta delle Valli News dalle Valli Lombarde e Trentine » Edolo
Leggi tutto: http://ift.tt/1J2vNHY

NON CE L’HA FATTA IL PAPA’ DI SELLERO

Non ce l’ha fatta il papà di Sellero coinvolto nell’incidente stradale di questo lunedì pomeriggio a Ceto lungo la statale 42. Claudio Saleri, 45 anni, è morto a meno di 24 ore dall’incidente all’ospedale civile di Brescia dove era stato trasferito già nel pomeriggio di lunedì con l’elicottero. Le sue condizioni erano disperate. Quando i soccorrittori sono arrivati sul posto l’uomo era già in arresto cardiaco, lo hanno rianimato e poi lo hanno avviato all’ospedale di Brescia, ma purtroppo è stato tutto inutile. Il suo cuore ha nuovamente cessato di battere. Oltre al piccolo Matteo, di soli quattro anni che questo lunedì pomeriggio era in macchina con lui e che fortunatamente non ha riportato gravi ferite, Claudio Saleri lascia la compagna Licia. Vivevano a Sellero. Migliorano anche le condizioni della 72enne milanese coinvolta nell’incidente. Potrebbe forse essere stato un malore di Claudio a provocarlo. L’uomo, infatti, mentre si trovava alla guida della sua Alfa, diretto verso l’alta Valle Camonica, appena passato il cavalcavia di Ceto, ha sbandato verso destra, urtando il cordolo che delimita la corsia e poi è carambolato sul lato opposto centrando in pieno la Toyota della signora milanese che stava sopraggiungendo nella direzione opposta. L’impatto è stato così violento che l’Alfa si è girata su se stessa ed è finita sulla rampa della scarpata a lato della statale. I soccorsi sono scattati immediatamente, allertati da altri automobilisti in transito che hanno assistito all’incidente. Si è capito subito che le condizioni di Claudio erano disperate, quindi, una volta appurato che il piccolo Matteo che si trovava in auto con il papà e la signora sulla Toyota non erano in pericolo di vita, i soccorritori si sono occupati di lui. Lo hanno rianimato a lungo e per qualche ora hanno fatto pensare, anche se le condizioni dell’uomo sono rimaste gravissime, che un miracolo sarebbe stato possibile. E invece non è stato così. Purtroppo Claudio non ce l’ha fatta e ha lasciato la sua Licia ed il suo Matteo. E’ stata una giornata tragica quella di questo lunedì sulle strade della provincia di Brescia. Con la morte di Claudio salgono a tre le vittime di incidenti stradali. Un anziano di 74 anni all’alba lungo la statale 237, una 19enne ieri sera in Maddalena. L’incidente di Ceto si è verificato attorno alle 14.30. Sul posto oltre alle ambulanze di Camunia Soccorso, Arnica e dell’ospedale di Esine anche due pattuglie della Polizia Stradale che ora avranno il compito di ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente e le squadre dei vigili del fuoco permanenti di Darfo Boario Terme e volontari di Breno. La statatale 42, per permettere i soccorsi e quindi i rilievi di legge, è stata chiusa a lungo. Il traffico è stato deviato grazie all’intervento dei carabinieri di Breno, lungo le strade comunali.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1PiQdxl

RECUPERATI DUE ESCURSIONISTI

Erano partiti stamattina all’alba, diretti verso il Passo della Presolana. Poi hanno sbagliato sentiero sono scesi invece di risalire e si sono ritrovati in una zona impervia, disorientati e affaticati dai contuini tentativi di riprendere la strada giusta. Disavventura finita bene oggi per due uomini usciti per un’escursione tra la Valle Camonica e la provincia di Bergamo. Con il telefonino sono riusciti a chiedere aiuto, intorno alle 13:30. Messi in contatto con il Soccorso alpino, con la stazione di Breno della V Delegazione Bresciana, hanno seguito le indicazioni date dai tecnici  che, conoscendo molto bene i luoghi, sono riusciti immediatamente a capire dove erano bloccati. In circa mezz’ora li hanno raggiunti, in località Padone, a circa 900 metri di altitudine: erano stanchi ma illesi. Sono quindi stati accompagnati fino a Colle Vareno. Sul posto anche i Carabinieri di Clusone, che hanno collaborato con il Soccorso alpino nella perlustrazione della zona e poi li hanno trasportati a valle con il defender. La conoscenza approfondita del posto è uno degli elementi principali quando si tratta di interventi di soccorso in montagna: i tecnici del CNSAS sono organizzati su base territoriale e questo consente di avere a disposizione informazioni precise sulle caratteristiche geografiche e morfologiche di un luogo. Il risparmio di tempo prezioso in alcuni casi può determinare l’esito dell’operazione.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1PiQdxh

SCONTRO IN SUPERSTRADA

Tanto spavento, due persone lievemente ferite – fra queste una bimba di due anni – molti danni alle vetture e qualche disagio per il traffico. Questo il bilancio dell’ennesimo incidente stradale lungo la statale 42. Si è verificato attorno alle 10 di questo martedì mattina nei pressi dello svincolo di Boario Terme. Due le auto coinvolte, una Toyota che viaggiava in direzione Breno e una Ford Focus che proveniva dalla direzione opposta. Una terza auto, un’Audi, è riuscita ad evitare l’impatto. All’origine del sinistro potrebbe esserci un colpo di sonno da parte dell’autista della Toyota, un 26enne che viaggiava con una ragazza di 22 anni. Pare, infatti, che all’improvviso, l’auto con i due giovani a bordo, sia finita fuori strada invadendo la corsia opposta. Solo l’abilità dell’uomo alla guida della Ford Focus, un 41enne che viaggiava con a bordo la figlioletta di due anni – che è stata comunque centrata in pieno dalla Toyota ed è stata rimbalzata sullo svincolo d’uscita verso Boario Terme, abbia evitato il peggio. Papà e figlia, trasportati per precauzione all’ospedale di Esine con un’ambulanza di Camunia Soccorso intervenuta sul posto insieme all’auto medica – non hanno riportato ferite gravi. Illesi gli occupanti dell’altra auto. I danni alle vetture sono ingenti, la Ford ha perso una ruota posteriore ed è andata quasi completamente distrutta. Sul posto per i rilievi di legge i carabinieri della stazione di Darfo Boario Terme. I vigili del fuoco del distaccamento di Boario sono intervenuti per la messa in sicurezza della strada. Il traffico, per consentire i soccorsi, è stato regolato a senso unico alternato provocando qualche rallentamento a qualche coda visto il traffico sostenuto in vista del ferragosto.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1DGvJNO