SANITA’, AUTONOMIA GARANTITA

Tutti i sindaci della Valle Camonica vogliono che la Valle Camonica in ambito sanitario mantenga la sua piena e totale autonomia. La Regione però riforma la sanità e anche la Valle Camonica subisce dei cambiamenti. In particolare viene accorpata alla sanità di Sondrio con un’unica Agenzia Sperimentale della Montagna, ma con due ASST diverse, una per la Valle Camonica e una per la Valtellina. A spiegare i vantaggi di tale accorpamento ci ha pensato Maroni in un incontro richiesto dai sindaci del Gruppo Civico in Comunità Montana che, documento alla mano, hanno chiesto direttamente al Governatore di dare alla Valle Camonica oltre ad una ASST tutta sua come già previsto, anche una ATS autonoma. Il Gruppo Civico rimane infatti invece dell’idea che la sanità camuna poco ha a che vedere con Sondrio e che doveva essere accorpata piuttosto con strutture ospedaliere attualmente di riferimento come il Civile di Brescia. Per questo il presidente della Comunità Montana Oliviero Valzelli e il vicepresidente della Conferenza dei Sindaci Pierluigi Mottinelli, hanno presentato al Presidente della Regione Lombardia, a nome dei sindaci del Gruppo Civico, una loro proposta del sistema sanitario e socio sanitario di Valle Camonica e del Sebino. Maroni in risposta, ha spiegato loro come il modello proposto in consiglio regionale sia vantaggioso per rafforzare la sanità di montagna che ha esigenze diverse dalla sanità di città o di pianura, oltretutto mantenendo e potenziando i presidi ospedalieri di montagna. Il modello di una sanità di montagna, in discussione in consiglio regionale, è stato elaborato in questi annidai consiglieri regionali camuni Donatella Martinazzoli della Lega Nord e Fabio Fanetti della Lista Maroni, di concerto con la Conferenza dei Sindaci di Valle Camonica guidata fino a qualche giorno fa da Fiorino Fenini, sfiduciato dal Gruppo Civico proprio perché avvallava la riforma regionale così come è stata delineata. Nei prossimi giorni la Conferenza dei Sindaci si riunirà per eleggere un nuovo presidente in grado di rappresentare la posizione della maggioranza dei sindaci camuni sul tema della sanità. Un tema che è destinato a dividere ancora. I sindaci del Gruppo Civico rimangono scettici sulla riforma che se approvata entro luglio per entrare in vigore a settembre, li vedrà sempre pronti a segnalare eventuali criticità durante il primo anno che viene considerato un periodo sperimentale dopo il quale ritrovarsi e riconfrontarsi. Il modello di una sanità di montagna, trova invece il consenso del Gruppo Alpes che ha portato all’attenzione del governatore Lombardo, un secondo documento in cui vengono chieste maggiori garanzie solo su un punto:  nell’ATS della Montagna, la Valle Camonica deve avere uguale voce in capitolo  della Valtellina, nonostante quest’ultima conti più abitanti. E’ stato anche chiesto che la presidenza della Conferenza dei Sindaci venga alternata fra le due valli.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1HJoxyY

LAVORI A TEMPO RECORD ALLA “DEINOS

Stanno bene gli ospiti della comunità Deinos di Fiobbio di Albino rimasti intossicati a seguito del violentissimo rogo divampato nel locale rifiuti domenica 14 giugno.  Tutti gli ospiti della struttura, facente capo alle comunità Deinos e Perani, gestite dalle
cooperative Chimera e La Fenice, furono costretti ad abbandonare lo stabile  a causa di un improvviso incendio. Ora, una parte di loro sta ritrovando il ritmo della quotidianità. La comunità Perani infatti, interessata in modo meno devastante dalle fiamme è stata sistemata, pulita e bonificata, permettendo la riapertura, avvenuta da un paio di settimane. Qui hanno potuto fare rientro 10 ospiti con problemi cognitivi e psichici. Luca Borlini presidente della cooperativa Chimera si dice soddisfatto, anche se non è stato facile, ma come lui stesso ha puntualizzato: “si è trattato di una corsa contro il tempo”. Nel frattempo si sta lavorando per sistemare i danni che hanno colpito la comunità Deinos. Qui tutti i piani sono stati intaccati dalle fiamme. L’ augurio è di poter ultimare il tutto entro il 30 agosto, data in cui termina il contratto patuito con i frati Cappuccini di Albino, che hanno messo a disposizione i locali cucina e  mensa dell’Istituto scolastico Sant’Anna, che inizia il nuovo anno scolastico a settembre e le camere del convento. “La volontà, aggiunge Borlini, c’è tutta. Impegneremo tutte le nostre forze per consentire il rientro a casa di una dozzina di ospiti”. Il rogo era  divampato alla comunità alloggio Deinos di Fiobbio quando al suo interno si trovavano una  dozzina di persone, dai 25 ai 55 anni, tutte con disabilità cognitiva e psichica.  Altre 8 persone trovavano accoglienza nell’attigua comunità Perani,  interessata  fortunatamente solo in modo marginale dall’incendio. Non ha tardato ad attivarsi la macchina della solidarietà. In molti infatti hanno voluto contribuire in questo momento difficile. Vestiti, oggetti, apparecchiature, elettrodomestici e arredi sono stati donati alla struttura. Doveroso indirizzare un invito a chi volesse sostenere economicamente le spese per la ristrutturazione delle due comunità può contribuire con una donazione, denominata «Un soldo per ripartire insieme» e intestata a Chimera srl-onlus, via Duca d’Aosta 17, 24021 Albino. Per informazioni e possibile contattare il numero 035.752876.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1CVjnAN

SOS SICCITA’

Dopo la grandine, la siccità, non c’è pace per l’agricoltura lombarda in questa torrida estate 2015. “La situazione sta precipitando ormai in diverse zone della Lombardia, va sbloccata l’acqua dei laghi e dei bacini alpini per salvare i campi e i raccolti” è questo l’appello di Ettore Prandini Presidente di Coldiretti Lombardia sullo stato di calamità chiesto alla regione. Era già successo anni addietro che l’acqua dei bacini idroelettrici abbia salvato le coltura. E qui siamo in una situazione davvero complicata. “Siamo di fronte a un’estate forse peggiore di quella del 2003 e rischiamo danni seri alle colture se non avremo abbastanza acqua per irrigare – aggiunge Prandini -. Il pericolo è che salti un’intera stagione produttiva nel momento più delicato”. I problemi stanno emergendo in tutta la loro gravità in questi ultimi giorni. “Serve acqua e serve subito” dice Prandini. Tutte le  colture stanno soffrendo, ma soprattutto il mais che, coltivato su oltre 330 mila ettari, è la base dell’alimentazione degli animali nelle stalle lombarde; ci sono problemi anche per la frutta e gli ortaggi, compresi i trapianti di maggio e giugno del pomodoro. Sono già stati persi 20 milioni di litri di latte di mancata produzione perché le mucche stanno facendo il 10 per cento di latte in meno e i suini non riescono a mangiare a causa dell’afa.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1HRZVlf

ALPINI, SIMBOLO DI SPERANZA

Presentato nel consiglio regionale, un anno intero di attività di solidarietà compiute dagli alpini italiani e raccontate nel “Libro verde della solidarietà. Nel Libro è documentato il lavoro svolto nel 2014 dalle sezioni e dai gruppi dell’ANA su tutto il territorio nazionale, con particolare attenzione alla gestione delle emergenze nelle piccole e grandi calamità e al reperimento di fondi e risorse da destinare a enti di assistenza e istituzioni locali. L’azione quotidiana degli alpini spazia da interventi di protezione civile a collette alimentari, missioni estere e campi scuola per i più giovani. L’ANA per il 2015 sta concentrando l’attenzione su due progetti particolari: la ricostruzione e ristrutturazione del ponte di Nikolajewka in Russia e l’attivazione di una collaborazione sempre più stretta con il Banco Alimentare per le famiglie bisognose. In Italia l’ANA conta su 281.358 soci per un totale di 4.271 gruppi e 81 sezioni: 15 sono le sezioni lombarde, la più operosa delle quali è quella di Bergamo, con 300.176 ore lavorate lo scorso anno. Complessivamente nel 2014 l’ANA ha raccolto e donato 5milioni 407mila e 448 euro, sviluppando 2 milioni, 209mila e 779 ore di lavoro, per un valore complessivo della solidarietà alpina quantificabile in oltre 66 milioni di euro.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1CVjlci

IL MARMO PROTAGONISTA A VEZZA D’OGLIO

Sette scultori, mostre d’arte, conferenze, visite guidate, musei aperti. Una settimana di eventi a Vezza d’Oglio per riscoprire il marmo bianco dell’antica cava e delle sue tradizioni. Sono in programma dal 26 luglio al 2 agosto. L’idea nasce da Milena Berta (artista) e Paola Tomasi (appassionata di storia dell’arte) con l’obiettivo di riscoprire e valorizzare il patrimonio del proprio territorio. A Vezza d’Oglio, infatti, si perde nella notte dei tempi l’origine della cava del Borom che ha cessato la sua attività negli anni 60 a causa di una frana. Certamente era in uso in epoca romana perché il nudo eroico ritrovato a Cividate Camuno è realizzato in marmo di Vezza D’Oglio. Sono molti altri gli utilizzi in campo artistico del marmo bianco di Vezza d’Oglio in tutta la provincia di Brescia. Riportare in luce queste tradizioni e quasi un dovere. Il simposio sarà ricco di eventi e manifestazioni. Il fulcro ovviamente è il lavoro dei sette artisti sui blocchi di marmo recuperati dalla cava del Borom. Fra gli altri eventi in programma mostre d’arte e di fotografia, incontri con gli artisti, laboratori per bambini, la visita guidata in cava giovedì 30 luglio con partenza alle 10 e il giorno successivo, venerdì 31 luglio, alle 10 e alle 17 visita guidata al Museo Aecheologico di Cividate Camuno dove si trova la statua del nudo eroico di età Giulio Claudia realizzata in marmo di Vezza d’Oglio. Oltre che per realizzare molti elementi della chiesa di San Martino a Vezza d’Oglio: portali, altari, pavimentazione, fonte battesimale, acquasantiere, i puttini del tabernacolo di scuola fantoniana, il marmo locale è stato utilizzato anche in altri luoghi di culto dei dintorni e in altre chiese della Lombardia.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1HRZXtC

UNA MOSTRA AL CESULÌ

Colere vanta di avere la Chiesa più antica della valle di Scalve, risalente al 1400 quando i coleresi concordarono con il Vicario di Vilminore di impegnarsi a sostenere per sempre le spese di mantenimento del parroco e della Chiesa realizzata su un promontorio ben visibile da tutte le frazioncine che componevano il paese. Ogni ultima domenica del mese di luglio il "Cesulì" si apre in occasione di una piccola Sagra durante la quale si focalizza l’attenzione su un tema scelto con  il Parroco. Quest’anno saranno i bambini e l’Asilo Parrocchiale al centro della Mostra fotografica e con qualche cimelio esposto nella chiesa. La mostra sarà visitabile nei giorni di venerdì sera24/07, sabato 25/07  e domenica tutto il giorno. Per domenica 26 luglio è prevista la S. Messa sul sagrato (ex cimitero) della Chiesetta, dedicata ai bambini di ieri, di oggi e di domani.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1CVjlcg

A SONICO LA STRADA DÀ SPETTACOLO

Sei anni: il tempo necessario per crescere e per maturare, proponendo spettacoli sempre più qualificati e un’offerta di eventi collaterali sempre più ricca e variegata. E’ GirovagArte – la strada dà spettacolo, l’unico festival della Valle Camonica dedicato alla giocoleria e all’arte circense, che quest’anno sarà protagonista a Sonico sabato 25 luglio. A corollario della manifestazione una serie di laboratori di animazione rivolti ai più piccoli, stand gastronomici con degustazioni di prodotti tipici e varie esposizioni di arte pittorica. Anche per questa sesta edizione il festival riserverà un “assaggio” della rassegna vera e propria nella piazza Cauzzi di Rino la sera del 24 luglio (ore 20), con l’anteprima a cura di “Dottor Stock” che sarà introdotta dalla baby dance. GirovagArte 2015 aprirà eccezionalmente alle ore 16, fino a notte inoltrata. Previsto un servizio di bus navetta andata-ritorno sulla tratta Sonico-Rino-Garda. Maggiori dettagli sono consultabili sul sito della Pro loco di Sonico (http://ift.tt/1egZPLA) o sulla pagina Facebook dedicata all’evento.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1HRZXtw