Anche oggi, le mie montagne non deludono.. #passione #montagna #montain #paesaggio #landscape #artogne #vallecamonica #camonicavalley #valledeisegni #brescia #lombardia #italy #lagodiseo #iseolake #sole #senzapensieri

Anche oggi, le mie montagne non deludono..
#passione #montagna #montain #paesaggio #landscape #artogne #vallecamonica #camonicavalley #valledeisegni #brescia #lombardia #italy #lagodiseo #iseolake #sole #senzapensieri
pubblicato da marcofontana_95
post originale: http://ift.tt/1IsEEDU

GANDINO PIANGE IL RE DEL PARAPENDIO

Sottoposto a un delicatissimo intervento chirurgico all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove era stato trasportato con l’eliambulanza, in tarda serata il cuore di Diego Servalli 46 anni di Gandino ha cessato di battere. Era rimasto gravemente ferito in un incidente stradale accaduto venerdi alle 13,50 sulla strada provinciale 42,  all’altezza dell’ex supermercato A&O  in comune di Gandino. Abitava nel paese seriano ed era molto conosciuto per avere fondato, poi diventato presidente e direttore della scuola, l’Aeroclub volo libero Monte Farno. Nel primo pomeriggio di venerdi in sella alla sua  Yamaha R1 mentre viaggiava diretto verso Bergamo, si scontrava con una Opel Zafira in manovra verso il parcheggio antistante l’ex centro commerciale. Uno scontro violento che lasciava Diego sull’ asfalto iprivo di sensi. E’ durato più di mezzora il massaggio cardiaco praticato da volontari e personale medico inviato dal 118. Una volta messo in sicurezza il ferito veniva trasferito al nosocomio cittadino dove nonostante il disperato intervento chirurgico, Servalli a seguito del gravissimo trauma cranico riportato, cessava di vivere. Diego, che per la sua azione di promozione svolta a favore del paese grazie alla sua scuola «Volo libero Monte Farno» nel 2006 era stato premiato con la benemerenza civica. Era stato tra i pionieri del parapendio, sua grande passione diventata poi professione. Lascia nel dolore i due figli di quattro e 12 anni,e la compagna Silvia Bergamelli, anche lei molto conosciuta a Gandino dove gestisce un negozio di parrucchiera. A loro si è stretta in silenzio l’ intera collettività gandinese e gli amici del Volo libero Monte Farno.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1AS0b6k

UN ARRESTO IN VALLE CAMONICA

Sfruttamento della prostituzione, un arresto e due denunce in Valle Camonica. A finire nei guai sono due donne nigeriane di 25 e 28 anni e un camuno di 49. In manette è finita la 25enne che oltre a praticare lei stessa, gestiva anche alcune sue connazionali dalle quali pretendeva una sorta di tassa per l’occupazione del marciapiede. L’operazione è dei carabinieri di Darfo Boario Terme che hanno operato insieme alla Polizia Locale. L’arresto nei giorni scorsi dopo che la giovane donna, senza permesso di soggiorno, domiciliata in Valle Camonica, ha aggredito un’altra giovane prostituta dalla quale pretendeva 150 euro per l’occupazione del marciapiede dove di solito stazionava lei. Le percosse hanno costretta la prostituta nigeriana a rivolgersi al pronto soccorso – ne avrà per cinque giorni – e da qui è scattata la denuncia. Dopo accurate indagini i carabinieri e la polizia locale sono arrivate a mettere le mani sulla sfruttatrice. Deve rispondere di sfruttamento della prostituzione, estorsione, lesioni personali e rifiuto di indicare la propria identità. Nel corso delle indagini i carabinieri hanno appurato che la 25enne già dal dicembre del 2014 sfruttava alcune giovani connazionali alle quali chiedeva parte dei guadagni in cambio del marciapiede. Se non pagavano, erano percosse. La donna non operava da sola, aveva anche due complici, un’altra nigeriana di 28 anni e un operaio camuno di 49. I due sono stati denunciati. Dopo l’arresto per la 25enne, si è svolta l’udienza in tribunale, Il giudice ha convalidato l’arresto. La donna, in attesa del processo, dovrà presentarsi quotidianamente alla Polizia giudiziaria  e non potrà lasciare la Valle Camonica.

dal giornale online: Più Valli TV – News
Leggi tutto: http://ift.tt/1AS0b6g